Giuliana Parzanese

Anticipo Tfr, quando è possibile?

Consulente del Lavoro

Anticipo Tfr, quando è possibile?

Il Tfr è la sigla che indica il Trattamento di Fine Rapporto ossia la retribuzione differita che il datore di lavoro dovrà pagare al lavoratore in aggiunta allo stipendio mensile, al momento della cessazione del rapporto.

In alcuni casi previsti dalla legge questo trattamento può essere anticipato prima della fine del  rapporto. L’art. 2120 del Codice civile disciplina al comma 6  i requisiti per cui il datore di lavoro sia tenuto ad erogare l’anticipazione del TFR al lavoratore che ne faccia apposita richiesta.

L’anzianità di servizio è il presupposto principale: il lavoratore deve essere in forza da almeno 8 anni alla data della richiesta.

Il requisito successivo riguarda la motivazione che deve essere fornita dal lavoratore in merito alla sua richiesta, che può essere dettata:

  • dal sostenimento di spese sanitarie legate a terapie ed interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche;
  • acquisto della prima casa, per sé o per i propri figli, il tutto opportunamente documentato con atto notarile.

Oltre a tali casistiche, che riguardano il lavoratore, vanno contemplati anche i limiti di soddisfacimento delle richieste in capo al datore di lavoro: potranno essere infatti soddisfatte annualmente richieste nel limite del 10% degli aventi titolo, e comunque per il 4% del numero totale dei dipendenti.

Qualora tutti i requisiti sopra esposti siano assolti, l’azienda è tassativamente tenuta ad erogare al lavoratore l’anticipazione TFR richiesta, la quale dovrà avvenire in misura non superiore al 70% sul trattamento cui avrebbe diritto nel caso di cessazione del rapporto alla data della richiesta.

La stessa anticipazione TFR potrà tuttavia essere ottenuta una sola volta nel corso di tutto il rapporto di lavoro, e sarà a tutti gli effetti detratta dall’importo complessivo del TFR maturato fino a tale data.

Quanto finora detto rappresenta però solo una fattispecie normativa. L’art. 2120  all’ultimo comma precisa come i contratti collettivi e gli accordi individuali tra azienda e lavoratore possano legittimamente prevedere condizioni di miglior favore a beneficio del lavoratore.

Nel caso di patti individuali è consigliabile che il datore, affiancato dal proprio Consulente del lavoro, prima di decidere se accordare l’anticipo, faccia una valutazione complessiva del monte Tfr di tutti i lavoratori in forza. Questo al fine di evitare eventuali future recriminazioni da parte di altri dipendenti. E’ consigliabile farlo sia  nel caso di aziende di piccole dimensioni che di grandi dimensioni.

 

 

Condividi questo articolo su:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Parla direttamente con me...

Richiedi una consulenza

Social Media

Cerca nel Blog:

Categorie Articoli:

Categorie

Notizie più popolari

Ricevi le ultime novità

Iscriviti alla Newsletter

No spam, riceverai una email di notifica quando saranno diponibili nuovi aggiornamenti sul mondo del lavoro. 

Menù di navigazione

Articoli Correlati

Potrebbe Interessarti anche:

Anticipo Tfr, quando è possibile?

Anticipo Tfr, quando è possibile?

Il Tfr è la sigla che indica il Trattamento di Fine Rapporto ossia la retribuzione differita che il datore di lavoro dovrà pagare al lavoratore in aggiunta allo stipendio mensile, al momento della cessazione del rapporto. In alcuni casi previsti dalla legge questo trattamento può essere anticipato prima della fine del  rapporto. L’art. 2120 del

Come assumere un dipendente

Come assumere un dipendente: guida semplice per aziende

Come assumere un dipendente? Ecco la guida semplice su come assumere un dipendente se hai un’azienda. Abbiamo già parlato di assumere un dipendente ditta individuale, in questo articolo sul tema lavoro troverai una guida semplice di come fare se hai un’azienda. Sai già come fare per  assumere nuovo personale o ti stai cimentando in una

Quanto costa assumere un dipendente per un mese?

Quanto costa assumere un dipendente per un mese?

Quanto costa assumere un dipendente per un mese? E tu sai quanto costa assumere un dipendente per un mese? Hai la necessità di assumere un dipendente per un solo mese? La legge permette di effettuare diversi contratti di lavoro e la durata può essere scelta a discrezione del datore di lavoro. Ad esempio, se vuoi assumere

Quanto costa un dipendente?

Quanto costa un dipendente?

Sai quanto costa un dipendente alla tua azienda? Non sai quanto costa un dipendente e vuoi assumere un dipendente nella tua azienda? In questo post voglio aiutarti a fare chiarezza. Sapere mensilmente qual è il costo da sostenere, analizzare le variabili che influenzano il costo del lavoro è di primaria importanza per un datore di

Guida gratuita

Scarica la GUIDA AI CONTRATTI DI LAVORO

Guida ai Contratti di lavoro

Richiedi una consulenza gratuita

Parla direttamente con me...