braccia di persone sedute intorno a un tavolo che parlano di assunzioni agevolate nel 2023

La legge finanziaria approvata lo scorso dicembre 2022 ripropone per il 2023 alcuni sgravi e incentivi sulle assunzioni di cui possono beneficiare i datori di lavoro.

Sei informato sulle assunzioni agevolate nel 2023?

Alcuni di questi erano già in vigore nel 2022 e a tale proposito ti rimando ai miei articoli del blog in cui ne parlo:

Novità nel 2023

Vediamo adesso quali sono le novità previste nel 2023 e a cosa porre attenzione per la loro applicazione.
Si tratta in sostanza di benefici normativi (sgravio sui contributi), che vengono riconosciuti ai datori di lavoro che decidono di assumere determinate categorie di persone, soprattutto lavoratori svantaggiati.

Sono tre le misure previste dalla legge di Bilancio 2023 per favorire l’occupazione.
E’ previsto l’esonero totale dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro nel caso di
assunzione di:

  • Beneficiari di reddito di cittadinanza;
  • Donne svantaggiate;
  • Giovani under 36 che non hanno mai avuto un impiego a tempo indeterminato.

Vediamoli singolarmente…

Assunzione di beneficiari di reddito di cittadinanza

Si tratta della vera novità per il 2023 (le altre due misure erano già previste lo scorso anno).
Riguarda i datori di lavoro privati che, dal 1° gennaio 2023 al 31 dicembre 2023, assumono lavoratori beneficiari del reddito di cittadinanza con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, con esclusione dei rapporti di lavoro domestico.

L’esonero si applica anche nel caso di trasformazione dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato.

La durata del beneficio è di 12 mesi e consiste nell’esonero dal versamento del 100% dei complessivi contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL nel limite massimo di importo pari a 6.000 euro annui.

Donne svantaggiate

Questo incentivo è stato prorogato per il 2023.
Le donne da assumere devono essere nelle seguenti condizioni:

  • Donne lavoratrici over 50 disoccupate da oltre 12 mesi;
  • Donne “prive di un lavoro regolarmente retribuito” da almeno 24 mesi, ovunque residenti.

La novità prevista per il 2023 è la misura del risparmio contributivo previsto: lo sgravio dei contributi pari al 100% non ha più un limite massimo annuo di 6000 euro bensì di 8.000 euro annui ,per un periodo massimo di 18 mesi.

Tutte le altre condizioni rimangono invariate rispetto allo scorso anno e vi rimando al mio articolo relativo alle assunzioni donne, dove spiego tutto nel dettaglio.

Giovani under 36

Anche questa è una misura prorogata per il periodo 1° gennaio 2023 al 31 dicembre 2023.
L’incentivo si applica ai lavoratori che al momento dell’assunzione o della trasformazione non abbiano ancora compiuto 36 anni ed a condizione che non siano mai stati occupati precedentemente con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato con il medesimo o con altro datore di lavoro.

Il risparmio è pari al 100% dei contributi a carico del datore, pari a 6mila euro annui.
Lo sgravio può durare:

  • 36 mesi;
  • 48 mesi, per i datori che assumono in una sede o in un’unità produttiva nelle regioni Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Sicilia, Calabria e Sardegna.

Vi rimando al mio articolo relativo alle agevolazioni per assunzioni under 36 in cui lo spiego dettagliatamente.

 

! Attenzione !

Questo incentivo è soggetto alla preventiva autorizzazione da parte della Commissione europea.
Sorge quindi la domanda: è possibile procedere all’applicazione dell’incentivo prima dell’autorizzazione da parte della commissione europea?

Purtroppo non sarà possibile beneficiare dell’esonero in trattazione prima della formale autorizzazione da parte della Commissione Europea.

Sarà possibile però procedere con l’assunzione, pagando il costo contributivo pieno e recuperarlo successivamente una volta ricevuta l’autorizzazione UE.

 

Mi auguro di averti dato delle informazioni utili sulle assunzioni agevolate nel 2023.
Contattami QUI per ulteriori informazioni.

 

 

Condividi questo articolo su:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Parla direttamente con me...

Richiedi una consulenza

Social Media

Cerca nel Blog:

Categorie Articoli:

Categorie

Notizie più popolari

Ricevi le ultime novità

Iscriviti alla Newsletter

No spam, riceverai una email di notifica quando saranno diponibili nuovi aggiornamenti sul mondo del lavoro. 

Menù di navigazione

Articoli Correlati

Potrebbe Interessarti anche:

ferie non godute azienda

Ferie non godute: cosa sapere per l’azienda

Spesso capita che i dipendenti accumulino un saldo ferie non godute elevato 🙄🙄 La Costituzione all’ art.36 sancisce il diritto del lavoratore a godere di un periodo di ferie annuali retribuite, alle quali non può rinunciare. Al lavoratore infatti,  senza perdere la retribuzione, viene garantito un arco di tempo di riposo che la legge stessa (Decreto legislativo n.

donna pausa lavoro

Ho diritto alla pausa se lavoro part time?

Spesso i lavoratori si chiedono : “Ho diritto alla pausa se lavoro part time?” In questo articolo rispondo al quesito, sintetizzando la normativa al riguardo😉 La pausa del lavoratore è una interruzione della prestazione lavorativa all’interno di un turno lavorativo. E’ senz altro un mezzo per  tutelare il benessere psicofisico dei dipendenti, in quanto riduce lo stress

dubbio frequenti maternità e lavoro

Dubbi frequenti maternità e lavoro

Il tema della maternità nel mondo del lavoro è molto rilevante. Dubbi frequenti sulla maternità e lavoro possono essere risolti conoscendo i diritti e le tutele delle lavoratrici madri, sia da parte delle stesse che dei datori di lavoro. Vediamo quindi quali sono i punti essenziali in merito al congedo di maternità e al congedo

Trattamento integrativo in busta paga dicembre: dubbi e chiarimenti

Molti dubbi emergono sul trattamento integrativo nella busta paga di dicembre. Lo troviamo alla voce “Trattamento integrativo L. 21/2020”. In questo articolo ti darò  informazioni utili e semplici per capire se ne hai diritto. Cos è il Trattamento integrativo Si tratta di un beneficio aggiuntivo (Bonus), posto a carico dello Stato e anticipato dai datori

Richiedi una consulenza gratuita

Parla direttamente con me...