Assunzioni donne agevolazioni 2021

Sai cosa sono gli incentivi assunzioni?

 

In questo articolo ti spiegherò di cosa si tratta e parlerò dell’agevolazione 2022 prevista per l’assunzione per donne disoccupate.

Gli incentivi sono deibenefici normativi o economici, che vengono riconosciuti ai datori di lavoro che decidono di assumere determinate categorie di persone, soprattutto lavoratori svantaggiati.

Si tratta, dunque, di contributi pubblici che servono a sostenere le spese a carico del datore di lavoro sul costo dei nuovi assunti (in particolare attraverso l’esonero dal pagamento dei contributi Inps).

Se stai assumendo, puoi valutare questi benefici che rappresentano un’ottima opportunità di abbattimento dei costi aziendali.

Se sei interessato a conoscere altri tipi di incentivi ti rimando ai miei articoli del blog Agevolazioni assunzioni over 50 2022 e Agevolazioni assunzioni under 36.

 

Vediamo quindi quali sono le regole da conoscere per sgomberare possibili dubbi sull’accesso e l’utilizzo dell’agevolazione per donne disoccupate.

 

In particolare ti dirò:

  • il risparmio per la tua azienda
  • requisiti che devono avere le donne da assumere
  • chiarimenti sui requisiti di svantaggio
  • chi può richiederlo
  • su quali assunzioni si applica
  • la durata del beneficio
  • come accertarsi se si può richiedere l’incentivo assunzione.

 La crisi sanitaria e poi anche economica, scaturita dalla pandemia, ha aumentato in modo forte le differenze di genere, a svantaggio delle donne.

Per tale motivo il legislatore ha deciso di prorogare questa misura (prevista in prima battuta solo per il 2021) fino alla fine di giugno 2022, a seguito dell’autorizzazione europea.

 

Risparmio che comporta per la tua azienda

Si tratta di un esonero contributivo del 100%, nel limite massimo di 6 mila euro annui, a favore dei datori di lavoro che assumono nel biennio 2021 – 2022 donne disoccupate da oltre 12 mesi.

 

Requisiti che devono avere le donne da assumere

Fai attenzione però! Il bonus assunzione donne 2022 non è rivolto a tutte. Occorre infatti che tali donne siano in condizioni di “svantaggio”.

Devono infatti essere:

  • donne lavoratrici over 50 disoccupate da oltre 12 mesi;
  • donne “prive di un lavoro regolarmente retribuito” da almeno 24 mesi, ovunque residenti.

 

Chiarimenti sui requisiti di svantaggio

Vediamo di capire cosa di intende con la dicitura “priva di impiego regolarmente retribuito” visto che è una condizione essenziale per avere accesso al beneficio.

Si tratta di donne che:

  • non hanno svolto attività lavorativa di tipo subordinato di durata pari o superiore a 6 mesi;
  • non hanno svolto attività lavorativa autonoma (compresa la collaborazione coordinata e continuativa e a progetto) dalla quale derivi un reddito pari o superiore al reddito minimo personale annuale escluso da imposizione fiscale.

Per accertarsi di tali condizioni può essere di aiuto la Scheda Anagrafica professionale: questa può essere richiesta al Centro per l’impiego dal lavoratore e sostituisce il vecchio “libretto di lavoro”.

E’ utile al datore perché contiene i dati relativi alle esperienze formative e lavorative del candidato; ma soprattutto ad accertarsi che siano rispettate le condizioni per la fruizione di eventuali incentivi.

 

Chi può richiederlo

Possono accedere alle agevolazioni per le assunzioni di donne i datori di lavoro privati, ad eccezione delle pubbliche amministrazioni. Il riconoscimento dell’esonero è subordinato al requisito dell’incremento occupazionale netto (calcolo che effettuerà il consulente del lavoro) pena la sospensione dell’incentivo.

 

Su quali assunzioni si applica

L’agevolazione per le assunzioni di lavoratrici svantaggiate spetta per le seguenti tipologie di rapporti di lavoro:

  1. assunzioni a tempo determinato;
  2. assunzioni a tempo indeterminato;
  3. trasformazioni a tempo indeterminato di un precedente rapporto agevolato o non agevolato;
  4. proroghe di rapporti di lavoro a tempo determinato;
  5. L’incentivo spetta anche in caso di part time;
  6. Sono esclusi i rapporti di lavoro intermittente, occasionale e domestico, e i rapporti di apprendistato.

 

Durata del beneficio

Il periodo agevolato con il bonus assunzioni donne è fruibile per:

  1. 12 mesi in caso di assunzione a tempo determinato;
  2. 18 mesi nel caso di assunzione a tempo indeterminato;
  3. 18 mesi in caso di trasformazione a tempo indeterminato di un rapporto a termine già agevolato, a partire dalla data di assunzione.

 

Come accertarsi se si può richiedere l’incentivo assunzione

L’Agenzia Nazionale Politiche Attive Lavoro (Anpal) è un ente pubblico che ha predisposto un’applicazione, denominata Incentivabilità, per controllare se una lavoratrice o un lavoratore risultano svantaggiati e possono essere assunti usufruendo degli incentivi 2022.

Grazie a questo servizio online, i datori di lavoro interessati ad assumere un lavoratore o una lavoratrice possono verificare se le assunzioni sono incentivabili, ossia se è possibile usufruire di agevolazioni e bonus.

Per accedere all’app occorre registrarsi sulla piattaforma dedicata ai servizi digitali Anpal mediante il Sistema Pubblico di Identità Digitale – SPID, la Carta Nazionale dei Servizi – CNS o o la Carta di Identità Elettronica – CIE. La registrazione è gratuita ed è necessaria per fruire delle funzioni disponibili sul portale.

 

Se hai bisogno di maggiori informazioni chiamami subito al numero 0574 17 47 258  oppure scrivimi subito per avere una consulenza gratuita.

Condividi questo articolo su:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Parla direttamente con me...

Richiedi una consulenza

Social Media

Cerca nel Blog:

Categorie Articoli:

Categorie

Notizie più popolari

Ricevi le ultime novità

Iscriviti alla Newsletter

No spam, riceverai una email di notifica quando saranno diponibili nuovi aggiornamenti sul mondo del lavoro. 

Menù di navigazione

Articoli Correlati

Potrebbe Interessarti anche:

Quanto tempo devo conservare le buste paga dei miei dipendenti?

Un dubbio che molto spesso sorge ai datori di lavoro riguarda quanto tempo conservare le buste paga dei propri dipendenti. In questo articolo ti darò alcuni consigli per aiutarti. Potrà aiutarti senz’altro il mio servizio di buste paga on line. 😉 Consegnare la busta paga è uno degli obblighi di legge previsti per il datore

Consegna buste paga: cosa deve sapere il datore di lavoro

Tra gli obblighi di legge del datore di lavoro uno dei più importanti è la consegna della busta paga ai propri dipendenti. La legge n. 4/1953 stabilisce che “il prospetto paga deve essere consegnato al lavoratore nel momento stesso in cui viene consegnata la retribuzione”. Nel cedolino paga dei  dipendenti  deve essere indicato nome, cognome,

Qual è la differenza tra Commercialista e Consulente del lavoro?

A volte parlando alle persone della mia professione di consulente del lavoro, mi rendo conto che è poco conosciuta e spesso viene confusa con quella del commercialista. Soprattutto se hai un’azienda in espansione, che sta procedendo a nuove assunzioni, ti sarà utile leggere questo articolo per capire bene come fare una scelta consapevole tra le

Assumere apprendista? Cosa deve sapere l'azienda

Assunzione apprendista: cosa deve sapere l’azienda

L’apprendistato professionalizzante è un contratto che consente alle aziende di assumere giovani di età compresa tra i 18 ed i 29 anni (e 364 giorni), affiancando all’attività lavorativa quella formativa. Molti imprenditori sanno che assumere apprendisti comporta un sostanzioso risparmio contributivo, ma molti non conoscono quali importanti obblighi comporta, non sanno cosa succede alla data esatta di fine

Richiedi una consulenza gratuita

Parla direttamente con me...