businessman conta i soldi e fa consegna buste paga al dipendente

Tra gli obblighi di legge del datore di lavoro uno dei più importanti è la consegna buste paga al dipendente.

La legge n. 4/1953 stabilisce che  il prospetto paga deve essere consegnato al lavoratore nel momento stesso in cui viene consegnata la retribuzione.
Nel cedolino paga dei  dipendenti  deve essere indicato nome, cognome, qualifica professionale, il periodo a cui la retribuzione si riferisce e  le singole trattenute.

Si deve poi tener conto che, a partire dal 1° luglio 2018 il legislatore ha imposto la piena tracciabilità delle retribuzioni, ossia vige l’assoluto divieto di corrispondere la retribuzione, compresi gli anticipi, attraverso denaro contante direttamente al lavoratore. Vediamo nel dettaglio ogni passaggio.

 

Responsabilità del datore

Il Consulente del lavoro è la figura abilitata alla  compilazione delle buste paga. Nell’interpello n. 8 del 2010 il Ministero del Lavoro permette ai Consulenti del Lavoro anche di inviare le buste paga ai dipendenti delle aziende in delega, utilizzando la propria PEC. Tuttavia, in caso di mancata ricezione delle buste paga, la responsabilità rimane in capo al datore di lavoro.

 I tempi prescritti 

La Legge 4 del 1953 la quale specifica che “il prospetto paga deve essere consegnato al lavoratore nel momento stesso in cui viene consegnata la retribuzione”.
Purtroppo non esiste una legge che individua una scadenza precisa.

Occorre fare riferimento al contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) che disciplina i rapporti di lavoro nell’azienda.
In generale i contratti collettivi impongono di erogare la paga entro il giorno 27 del mese o entro il giorno 5 del mese successivo a quello cui la retribuzione si riferisce.
Se il contratto collettivo della tua azienda non si occupa di questa materia, continua a seguire gli usi aziendali già presenti in azienda.

Caso di mancata erogazione della retribuzione

Ti domanderai: l’obbligo di consegna delle buste paga vige anche in caso di mancato pagamento della retribuzione?

Vari motivi  possono impedire al datore di pagare lo stipendio ai propri dipendenti: momentanea indisponibilità finanziaria , trattenute fiscali maggiori del netto da pagare oppure una crisi aziendale.
Qualsiasi sia il motivo, il datore di lavoro dovrebbe consegnare ugualmente il prospetto paga.

Quest’ultimo rappresenta infatti  l’unico modo per il dipendente di conoscere le sue competenze e le relative trattenute .

Modalità di consegna 

Puoi consegnare le buste paga ai tuoi dipendenti seguendo una delle modalità consentite dalla legge:

  • a mano;
  • via PEC (Posta Elettronica Certificata): con l’interpello n. 1 del 2008 il Ministero del Lavoro ha confermato che è possibile trasmettere i cedolini anche per via telematica. La PEC, oltre ad essere mezzo idoneo, ha anche valore dimostrativo della consegna della busta paga. Ciò vale però se viene inviata a un indirizzo Pec intestato al dipendente;
  • via email: sempre secondo l’interpello n.1 del 2008, è valido anche l’invio di buste paga via email “non certificata”, ma a una condizione: il messaggio deve essere inviato a un indirizzo intestato al lavoratore provvisto di password;
  • tramite il sito web aziendale: l’interpello n. 13/2012 aggiunge la possibilità di consegnare i cedolini tramite un sito web. I file devono essere caricati all’interno di un’area riservata, a cui possa accedere solo il dipendente interessato;
  • rendere disponibile i documenti ai dipendenti attraverso una App mobile.

Prove dell’avvenuta venuta consegna 

Su richiesta degli organi di vigilanza, il datore di lavoro deve  dimostrare di aver rispettato l’obbligo di consegna delle buste paga. Si può fare in tre modi:

  • con la firma del prospetto paga da parte del dipendente, che ne dimostra la ricezione;
  • adottando opportune iniziative per comprovare l’avvenuta consegna della busta paga tramite posta elettronica;
  • mediante l’attestazione del caricamento delle buste paga sul sito web;
  • mediante conferma di lettura della busta su App mobile.

 

Sanzioni 

In entrambi i casi, l’ azienda rischia di ricevere le seguenti sanzioni:

  • sanzione amministrativa pecuniaria da 150 a 900 euro;
  • sanzione da 600 a 3.600 euro, se la violazione si riferisce a più di 5 lavoratori, oppure a un periodo superiore a 6 mesi;
  • sanzione da 1.200 a 7.200 euro, se la violazione si riferisce a più di 10 lavoratori o a un periodo superiore a 12 mesi.

Mi auguro di averti fornito delle informazioni utili sulla consegna buste paga al dipendente. Se vuoi  maggiori informazioni consulta i miei servizi e consulenza online.

 

Condividi questo articolo su:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Parla direttamente con me...

Richiedi una consulenza

Social Media

Cerca nel Blog:

Categorie Articoli:

Categorie

Notizie più popolari

Ricevi le ultime novità

Iscriviti alla Newsletter

No spam, riceverai una email di notifica quando saranno diponibili nuovi aggiornamenti sul mondo del lavoro. 

Menù di navigazione

Articoli Correlati

Potrebbe Interessarti anche:

donna pausa lavoro

Ho diritto alla pausa se lavoro part time?

Spesso i lavoratori si chiedono : “Ho diritto alla pausa se lavoro part time?” In questo articolo rispondo al quesito, sintetizzando la normativa al riguardo😉 La pausa del lavoratore è una interruzione della prestazione lavorativa all’interno di un turno lavorativo. E’ senz altro un mezzo per  tutelare il benessere psicofisico dei dipendenti, in quanto riduce lo stress

dubbio frequenti maternità e lavoro

Dubbi frequenti maternità e lavoro

Il tema della maternità nel mondo del lavoro è molto rilevante. Dubbi frequenti sulla maternità e lavoro possono essere risolti conoscendo i diritti e le tutele delle lavoratrici madri, sia da parte delle stesse che dei datori di lavoro. Vediamo quindi quali sono i punti essenziali in merito al congedo di maternità e al congedo

Trattamento integrativo in busta paga dicembre: dubbi e chiarimenti

Molti dubbi emergono sul trattamento integrativo nella busta paga di dicembre. Lo troviamo alla voce “Trattamento integrativo L. 21/2020”. In questo articolo ti darò  informazioni utili e semplici per capire se ne hai diritto. Cos è il Trattamento integrativo Si tratta di un beneficio aggiuntivo (Bonus), posto a carico dello Stato e anticipato dai datori

donna che firma lettera impegno all'assunzione

Lettera di impegno all’assunzione: è vincolante?

Nell’ambito delle mie consulenze on line mi vengono spesso posti quesiti relativi alla lettera di impegno all’assunzione (o lettera pre- assuntiva) sia da parte dei candidati che delle aziende. Le domande sono del tipo: “Ho firmato una lettera di impegno all’assunzione: è vincolante ???” Oppure: “Puoi prepararmi una lettera pre-assuntiva per non farmi sfuggire questo

Richiedi una consulenza gratuita

Parla direttamente con me...