Giuliana Parzanese

Qual è la differenza tra Commercialista e Consulente del lavoro?

Consulente del Lavoro

Qual è la differenza tra Commercialista e Consulente del lavoro?

A volte parlando alle persone della mia professione di consulente del lavoro, mi rendo conto che è poco conosciuta e spesso viene confusa con quella del commercialista.

Soprattutto se hai un’azienda in espansione, che sta procedendo a nuove assunzioni, ti sarà utile leggere questo articolo per capire bene come fare una scelta consapevole tra le due figure.

Qual è quindi la differenza tra Dottore Commercialista e Consulente del lavoro?
Ti spiegherò in modo semplice cosa fa ciascuna figura professionale e quali competenze li differenziano.

 

Facciamo subito chiarezza:

  • Il commercialista si occupa della burocrazia legata alla nascita dell’impresa e alla relativa gestione fiscale;
  • Il consulente del lavoro entra in gioco quando l’imprenditore decide di assumere dipendenti.

 

Per approfondire l’argomento, vedremo in questo articolo quanto segue:

√  Cosa fa il Consulente del Lavoro

√ Cosa fa il Commercialista

√ Come si diventa Commercialista o Consulente del Lavoro

√ Il mio ambito specifico

 

Cosa fa il Consulente del Lavoro

E’ un professionista iscritto all’Albo  che, su delega del titolare dell’azienda , si occupa degli adempimenti in materia di lavoro, previdenza e assistenza sociale relativi al personale dipendente.
E’ autorizzato per legge anche a conservare i documenti dei datori di lavoro presso il proprio studio professionale.

Il riferimento normativo essenziale per la figura di Consulente del lavoro è la Legge 12/1979  e successive modifiche ed integrazioni. Per tutti gli altri riferimenti normativi, procedurali e deontologici si può  consultare il sito istituzionale del Consiglio Nazionale dei Consulenti del Lavoro.

I consulenti del lavoro si occupano, in particolare, delle seguenti attività:

  • Inquadrare il personale dell’a­zienda, iscrivendolo agli Istituti previ­denziali e assicurativi di competenza e gestendo le comunicazioni con i Centri per l’impiego;
  • Gestire relazioni, comunicazioni e pratiche principalmente con i Centri per l’impiego, la Direzione territoriale del Lavoro, l’INAIL, l’INPS e con le Organizzazioni Sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro;
  • Elaborare paghe e contributi scegliendo, interpretando e applicando i contratti collettivi e individuali;
  • Assolvere gli adempimenti previdenziali e assicurativi;
  • Offrire consulenza tecnica in materia di lavoro, anche in sede di contenzioso (con­troversie individuali e collettive, redazione di ricorsi).

Ti consiglio di leggere questo articolo se vuoi approfondire la figura del consulente del lavoro.

 

Cosa fa il commercialista

Passiamo ora a descrivere le attività del commercialista: queste sono elencate dall’art. 1 del D.Lgs. 139/2005.

In generale, tra i compiti di un Dottore Commercialista troviamo senz’altro:

  • la gestione della contabilità;
  • la consulenza per aziende in materia fiscale;
  • lo studio della disciplina tributaria;
  • la pianificazione dei bilanci.

 

Come si diventa Commercialista o Consulente del Lavoro

Sono differenti inoltre i requisiti su come diventare Commercialista o Consulente del Lavoro.

Il percorso da seguire è simile e si snoda tra università, tirocinio di 18 mesi e esame di Stato.
Le lauree che permettono di accedere alle due professioni sono però differenti.

Se per diventare Commercialista le lauree richieste sono quelle di una Magistrale/Specialistica in Economia o Scienze Economico-Aziendali, per il Consulente del lavoro i titoli necessari contemplano sia materie economiche, sia giuridiche (giurisprudenza, scienze politiche, scienze dell’amministrazione).

 

Il mio ambito specifico

Io in particolare mi occupo della gestione dipendenti di aziende medio piccole: le prediligo perché mi consentono di curare al meglio e nel dettaglio la relazione. Nella  mia professione lo trovo appagante. 😉

Credo infatti che le aziende, prima ancora di entità economiche, siano delle realtà fatte di persone con il loro vissuto e le loro peculiarità.

 

Come avrai intuito da questo articolo, le due figure professionali lavorano a stretto contatto nella gestione di un’azienda, ma il consulente del lavoro ha senz’altro una professionalità specifica negli adempimenti del personale subordinato (e parasubordinato). 

 

Mi auguro che questo articolo ti sia stato utile e se hai bisogno di una consulenza scrivimi attraverso il modulo contatti oppure telefonami al numero 0574 1747258.

Alla prossima!

Condividi questo articolo su:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Parla direttamente con me...

Richiedi una consulenza

Social Media

Cerca nel Blog:

Categorie Articoli:

Categorie

Notizie più popolari

Ricevi le ultime novità

Iscriviti alla Newsletter

No spam, riceverai una email di notifica quando saranno diponibili nuovi aggiornamenti sul mondo del lavoro. 

Menù di navigazione

Articoli Correlati

Potrebbe Interessarti anche:

Quanto tempo devo conservare le buste paga dei miei dipendenti?

Un dubbio che molto spesso sorge ai datori di lavoro riguarda quanto tempo conservare le buste paga dei propri dipendenti. In questo articolo ti darò alcuni consigli per aiutarti. Potrà aiutarti senz’altro il mio servizio di buste paga on line. 😉 Consegnare la busta paga è uno degli obblighi di legge previsti per il datore

Consegna buste paga: cosa deve sapere il datore di lavoro

Tra gli obblighi di legge del datore di lavoro uno dei più importanti è la consegna della busta paga ai propri dipendenti. La legge n. 4/1953 stabilisce che “il prospetto paga deve essere consegnato al lavoratore nel momento stesso in cui viene consegnata la retribuzione”. Nel cedolino paga dei  dipendenti  deve essere indicato nome, cognome,

Qual è la differenza tra Commercialista e Consulente del lavoro?

A volte parlando alle persone della mia professione di consulente del lavoro, mi rendo conto che è poco conosciuta e spesso viene confusa con quella del commercialista. Soprattutto se hai un’azienda in espansione, che sta procedendo a nuove assunzioni, ti sarà utile leggere questo articolo per capire bene come fare una scelta consapevole tra le

Assumere apprendista? Cosa deve sapere l'azienda

Assunzione apprendista: cosa deve sapere l’azienda

L’apprendistato professionalizzante è un contratto che consente alle aziende di assumere giovani di età compresa tra i 18 ed i 29 anni (e 364 giorni), affiancando all’attività lavorativa quella formativa. Molti imprenditori sanno che assumere apprendisti comporta un sostanzioso risparmio contributivo, ma molti non conoscono quali importanti obblighi comporta, non sanno cosa succede alla data esatta di fine

Richiedi una consulenza gratuita

Parla direttamente con me...