Giuliana Parzanese

Quattordicesima: cos’è e quando viene pagata

Consulente del Lavoro

Quattordicesima: cos’è e quando viene pagata

Quattordicesima: cos'è e quando viene pagata

Il mese di Giugno ☀️ è un mese atteso da moltissimi lavoratori. E’ il momento della quattordicesima. 😄

 

Cos’è la quattordicesima?

Si tratta di una mensilità aggiuntiva che va a sommarsi alla retribuzione annua e alla tredicesima.

 

Lascia che ti spieghi più nel dettaglio.

 

In questo articolo vedremo:

  • Chi ne ha diritto
  • Come si calcola
  • Quando viene pagata
  • Tasse e contributi per le aziende

 

Chi ne ha diritto

Non tutti i dipendenti hanno diritto alla quattordicesima. Tra i principali CCNL (contratti collettivi) che la prevedono ci sono:

  • Settore Commercio;
  • Settore Pulizia;
  • Settore Turismo;
  • Studi professionali;
  • Settore alimentare;
  • Logistica e trasporto;
  • Settore chimico.

E’ possibile che il contratto collettivo possa circoscrivere l’insieme dei beneficiari della quattordicesima prevedendo, ad esempio, che determinate categorie di lavoratori ne restino escluse.

 

Come si calcola la quattordicesima

Il calcolo dei 12 mesi non viene effettuato sul normale anno solare, come nel caso della tredicesima, ma sul periodo che intercorre tra il 1 luglio e il 30 giugno.

I mesi in cui non si lavora per intero, ad esempio quello di assunzione e quello di cessazione del rapporto di lavoro, si contano solo se superano i 15 giorni.

Ma come si calcola esattamente la quattordicesima?

Il calcolo è molto semplice:

stipendio lordo mensile x numero di mesi lavorati / 12

 

Come si calcolano i “mesi lavorati”?

Ci sono una serie di assenze che vengono considerate periodi lavorati, ai fini del calcolo della quattordicesima.
Queste sono:

  • Malattia e infortunio (nei limiti del periodo di comporto);
  • Maternità e paternità obbligatoria;
  • Ferie e permessi;
  • Congedo matrimoniale;
  • Permessi Legge numero 104/1992.

Di conseguenza, il dipendente che si assenta per uno degli eventi citati, non subisce alcuna diminuzione della quattordicesima.

 

Al contrario, non consentono la maturazione della mensilità aggiuntiva:

  • Congedo parentale;
  • Sciopero;
  • Assenze per malattia del bambino;
  • Aspettativa non retribuita;
  • Permessi non retribuiti;
  • Assenza ingiustificata.

 

Quando viene pagata la quattordicesima

 

Sono i  CCNL (contratti collettivi) a stabilire la data in cui viene pagata la quattordicesima: in ogni caso tutti i lavoratori che ne hanno diritto la riceveranno nei mesi estivi, tra giugno e luglio.

Alcuni esempi: per i dipendenti degli studi professionali la data è fissata al 30 giugno, così come per l’ambito logistico. Per quelli del settore Commercio, così come  del  Turismo, la data è entro il 1 luglio.

 

Tasse e contributi per le aziende

Le somme erogate a titolo di quattordicesima sono soggette a trattenute a carico dipendente per contributi INPS e tassazione IRPEF.

Dal punto di vista del datore di lavoro, invece, egli trattiene l’imposta sul reddito Irpef in base all’aliquota applicata al lavoratore. Lo stesso avviene per la quota di contributi previdenziali.

La somma ricevuta a titolo di quattordicesima in busta paga è tassata in modo più elevato rispetto al solito: questo perché viene applicata l’imposta lorda senza detrazioni fiscali.

 

Se hai bisogno di una consulenza scrivimi attraverso il modulo contatti oppure telefonarmi al numero 0574 1747258.

A presto!

 

Condividi questo articolo su:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Parla direttamente con me...

Richiedi una consulenza

Social Media

Cerca nel Blog:

Categorie Articoli:

Categorie

Notizie più popolari

Ricevi le ultime novità

Iscriviti alla Newsletter

No spam, riceverai una email di notifica quando saranno diponibili nuovi aggiornamenti sul mondo del lavoro. 

Menù di navigazione

Articoli Correlati

Potrebbe Interessarti anche:

Quanto tempo devo conservare le buste paga dei miei dipendenti?

Un dubbio che molto spesso sorge ai datori di lavoro riguarda quanto tempo conservare le buste paga dei propri dipendenti. In questo articolo ti darò alcuni consigli per aiutarti. Potrà aiutarti senz’altro il mio servizio di buste paga on line. 😉 Consegnare la busta paga è uno degli obblighi di legge previsti per il datore

Consegna buste paga: cosa deve sapere il datore di lavoro

Tra gli obblighi di legge del datore di lavoro uno dei più importanti è la consegna della busta paga ai propri dipendenti. La legge n. 4/1953 stabilisce che “il prospetto paga deve essere consegnato al lavoratore nel momento stesso in cui viene consegnata la retribuzione”. Nel cedolino paga dei  dipendenti  deve essere indicato nome, cognome,

Qual è la differenza tra Commercialista e Consulente del lavoro?

A volte parlando alle persone della mia professione di consulente del lavoro, mi rendo conto che è poco conosciuta e spesso viene confusa con quella del commercialista. Soprattutto se hai un’azienda in espansione, che sta procedendo a nuove assunzioni, ti sarà utile leggere questo articolo per capire bene come fare una scelta consapevole tra le

Assumere apprendista? Cosa deve sapere l'azienda

Assunzione apprendista: cosa deve sapere l’azienda

L’apprendistato professionalizzante è un contratto che consente alle aziende di assumere giovani di età compresa tra i 18 ed i 29 anni (e 364 giorni), affiancando all’attività lavorativa quella formativa. Molti imprenditori sanno che assumere apprendisti comporta un sostanzioso risparmio contributivo, ma molti non conoscono quali importanti obblighi comporta, non sanno cosa succede alla data esatta di fine

Richiedi una consulenza gratuita

Parla direttamente con me...