Giuliana Parzanese

Quattordicesima: cos’è e quando viene pagata

Consulente del Lavoro

Quattordicesima: cos’è e quando viene pagata

Quattordicesima: cos'è e quando viene pagata

È arrivato giugno, mese dell’anno atteso da moltissimi lavoratori, ovvero il tempo della quattordicesima: che cos’è?

A chi spetta?

Vediamolo insieme.

Che cos’è la quattordicesima?

La quattordicesima è una mensilità aggiuntiva che va a sommarsi alla retribuzione annua e alla tredicesima. Non spetta a tutti, ma solamente ai lavoratori di certi settori, ad esempio a chi lavora
•       nei pubblici esercizi
•       nel commercio
•       all’interno di studi professionali
.

Chi percepisce la quattordicesima?

Tutti gli operai, gli impiegati e gli apprendisti che lavorano nei settori che la prevedono, percepiscono la quattordicesima. Con contratto a tempo indeterminato o determinato, part time o full time, ovviamente tutto in proporzione a quanto si è lavorato in termini di orario e ai mesi di lavoro prestati durante l’anno.

La quattordicesima matura da luglio dell’anno precedente a giugno dell’anno in corso. Per esempio, se ho iniziato a lavorare a settembre 2020, a giugno 2021 verranno erogati non 12 ratei, bensì 10.

I mesi in cui non si lavora per intero, ad esempio quello di assunzione e quello di cessazione del rapporto di lavoro, si contano solo se superano i 15 giorni.

In ogni caso per il calcolo ci sono alcune variabili e particolarità che il Consulente del Lavoro applica in base a quello che stabilisce il singolo contratto collettivo nazionale di lavoro applicato.

Ci sono dei periodi di assenza, ad esempio il congedo parentale o certi tipi di aspettative, in cui la quattordicesima non matura.

Quando viene pagata la quattordicesima?

Ci sono tre possibilità:

  1. Insieme alla busta paga di giugno, quindi la percepisco i primi giorni di luglio;
  2. Con busta paga separatache mi consegnano verso il 20 giugno (una busta paga intermedia fra quella di maggio e di giugno);
  3. Mese per mese, con un’apposita voce in ogni busta paga.

Condividi questo articolo su:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Parla direttamente con me...

Richiedi una consulenza

Social Media

Cerca nel Blog:

Categorie Articoli:

Categorie

Notizie più popolari

Ricevi le ultime novità

Iscriviti alla Newsletter

No spam, riceverai una email di notifica quando saranno diponibili nuovi aggiornamenti sul mondo del lavoro. 

Menù di navigazione

Articoli Correlati

Potrebbe Interessarti anche:

Qual è la differenza tra Commercialista e Consulente del lavoro?

A volte parlando alle persone della mia professione di consulente del lavoro, mi rendo conto che è poco conosciuta e spesso viene confusa con quella del commercialista. Soprattutto se hai un’azienda in espansione, che sta procedendo a nuove assunzioni, ti sarà utile leggere questo articolo per capire bene come fare una scelta consapevole tra le

Assumere apprendista? Cosa deve sapere l'azienda

Assunzione apprendista: cosa deve sapere l’azienda

L’apprendistato professionalizzante è un contratto che consente alle aziende di assumere giovani di età compresa tra i 18 ed i 29 anni (e 364 giorni), affiancando all’attività lavorativa quella formativa. Molti imprenditori sanno che assumere apprendisti comporta un sostanzioso risparmio contributivo, ma molti non conoscono quali importanti obblighi comporta, non sanno cosa succede alla data esatta di fine

Assumere personale nel 2022 con il lavoro a chiamata

Assumere personale nel 2022 con il lavoro a chiamata

Parliamo di lavoro a chiamata Il momento economico attuale richiede sempre più alle aziende di ridurre la spesa del personale e assumere dipendenti a costi ridotti. Le aziende che hanno questa necessità spesso mi chiedono chiarimenti sul funzionamento del contratto a chiamata (o intermittente). Si tratta di un tipo di rapporto in cui il dipendente viene

Anticipo Tfr: quando è obbligatorio concederlo ai dipendenti?

Se hai un’azienda con dipendenti saprai sicuramente di cosa stiamo parlando: il TFR (Trattamento di Fine Rapporto) è una retribuzione differita che spetta al personale solitamente alla cessazione del rapporto di lavoro. Può succedere però che i dipendenti possano chiedere un anticipo sul proprio trattamento! Per non trovarti impreparato ti consiglio di leggere questo articolo

Richiedi una consulenza gratuita

Parla direttamente con me...