Consegna buste paga: cosa deve sapere il datore di lavoro

Tra gli obblighi di legge del datore di lavoro uno dei più importanti è la consegna della busta paga ai propri dipendenti.

La legge n. 4/1953 stabilisce che “il prospetto paga deve essere consegnato al lavoratore nel momento stesso in cui viene consegnata la retribuzione”.
Nel cedolino paga dei  dipendenti  deve essere indicato nome, cognome, qualifica professionale, il periodo a cui la retribuzione si riferisce e  le singole trattenute.

Si deve poi tener conto che, a partire dal 1° luglio 2018 il legislatore ha imposto la piena tracciabilità delle retribuzioni, ossia vige l’assoluto divieto di corrispondere la retribuzione, compresi gli anticipi, attraverso denaro contante direttamente al lavoratore.

In questo articolo ti fornirò una checklist per essere  in regola con tutto quello che riguarda la consegna della busta paga ai tuoi dipendenti. 😉

 

CHECKLIST 📢

  1. Ricorda che la responsabilità è sempre tua
  2. Rispetta i tempi prescritti
  3. Consegna la busta anche in caso di mancata erogazione
  4. Come puoi consegnare la busta paga
  5. Trattieni prova dell’avvenuta consegna al dipendente

 

Vediamo nel dettaglio ogni passaggio.
Alla fine dell’articolo troverai anche le sanzioni nel caso di  mancata consegna della busta paga.

Partiamo!!!

 

  1. Ricorda che la responsabilità è sempre tua

Il Consulente del lavoro è la figura abilitata alla  compilazione delle buste paga. Nell’interpello n. 8 del 2010 il Ministero del Lavoro permette ai Consulenti del Lavoro anche di inviare le buste paga ai dipendenti delle aziende in delega, utilizzando la propria PEC. Tuttavia, in caso di mancata ricezione delle buste paga, la responsabilità rimane in capo al datore di lavoro.

 

  1. Rispetta i tempi prescritti

Molti datori di lavoro si domandano quando vanno consegnate le buste paga.

Come abbiamo visto la risposta arriva dall’articolo 1 della Legge 4 del 1953 la quale specifica che “il prospetto paga deve essere consegnato al lavoratore nel momento stesso in cui viene consegnata la retribuzione”.
Sorge il dubbio:  entro quando devono essere pagate le retribuzioni?

Purtroppo non esiste una legge che individua una scadenza precisa.

Occorre fare riferimento al contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) che disciplina i rapporti di lavoro nell’azienda.
In generale i contratti collettivi impongono di erogare la paga entro il giorno 27 del mese o entro il giorno 5 del mese successivo a quello cui la retribuzione si riferisce.
Se il contratto collettivo della tua azienda non si occupa di questa materia, continua a seguire gli usi aziendali già presenti in azienda.

 

  1. Consegna la busta anche in caso di mancata erogazione

Ti domanderai: l’obbligo di consegna delle buste paga vige anche in caso di mancato pagamento della retribuzione?

Vari motivi  possono impedire al datore di pagare lo stipendio ai propri dipendenti: momentanea indisponibilità finanziaria , trattenute fiscali maggiori del netto da pagare oppure una crisi aziendale.
Qualsiasi sia il motivo, il datore di lavoro dovrebbe consegnare ugualmente il prospetto paga.

Quest’ultimo rappresenta infatti  l’unico modo per il dipendente di conoscere le sue competenze e le relative trattenute .

 

  1. Come puoi consegnare la busta paga

Puoi consegnare le buste paga ai tuoi dipendenti seguendo una delle modalità consentite dalla legge:

  • a mano;
  • via PEC (Posta Elettronica Certificata): con l’interpello n. 1 del 2008 il Ministero del Lavoro ha confermato che è possibile trasmettere i cedolini anche per via telematica. La PEC, oltre ad essere mezzo idoneo, ha anche valore dimostrativo della consegna della busta paga. Ciò vale però se viene inviata a un indirizzo Pec intestato al dipendente;
  • via email: sempre secondo l’interpello n.1 del 2008, è valido anche l’invio di buste paga via email “non certificata”, ma a una condizione: il messaggio deve essere inviato a un indirizzo intestato al lavoratore provvisto di password;
  • tramite il sito web aziendale: l’interpello n. 13/2012 aggiunge la possibilità di consegnare i cedolini tramite un sito web. I file devono essere caricati all’interno di un’area riservata, a cui possa accedere solo il dipendente interessato;
  • rendere disponibile i documenti ai dipendenti attraverso una App mobile.

 

 

  1. Trattieni prova dell’avvenuta consegna al dipendente

Su richiesta degli organi di vigilanza, il datore di lavoro deve  dimostrare di aver rispettato l’obbligo di consegna delle buste paga. Si può fare in tre modi:

  • con la firma del prospetto paga da parte del dipendente, che ne dimostra la ricezione;
  • adottando opportune iniziative per comprovare l’avvenuta consegna della busta paga tramite posta elettronica;
  • mediante l’attestazione del caricamento delle buste paga sul sito web;
  • mediante conferma di lettura della busta su App mobile.

 

Sanzioni per mancata consegna delle buste paga

Cosa succede se non si assolve all’obbligo di consegna? Innanzitutto, i  lavoratori potrebbero presentare una denuncia per mancata consegna della buste paga. Ciò potrebbe sollecitare  una visita in azienda da parte dell’Ispettorato del Lavoro.

A loro volta, gli organi di vigilanza potrebbero constatare:

  • la mancata o ritardata consegna al lavoratore del prospetto di paga;
  • l’omissione o inesattezza nelle registrazioni apposte su prospetto paga.

In entrambi i casi, l’ azienda rischia di ricevere le seguenti sanzioni:

  • sanzione amministrativa pecuniaria da 150 a 900 euro;
  • sanzione da 600 a 3.600 euro, se la violazione si riferisce a più di 5 lavoratori, oppure a un periodo superiore a 6 mesi;
  • sanzione da 1.200 a 7.200 euro, se la violazione si riferisce a più di 10 lavoratori o a un periodo superiore a 12 mesi.

Mi auguro di averti fornito delle informazioni utili e se vuoi ricevere maggiori informazioni sui servizi in particolare sul servizio di erogazione buste paga che offro online, contattami al numero 0574 1747258.

Condividi questo articolo su:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Parla direttamente con me...

Richiedi una consulenza

Social Media

Cerca nel Blog:

Categorie Articoli:

Categorie

Notizie più popolari

Ricevi le ultime novità

Iscriviti alla Newsletter

No spam, riceverai una email di notifica quando saranno diponibili nuovi aggiornamenti sul mondo del lavoro. 

Menù di navigazione

Articoli Correlati

Potrebbe Interessarti anche:

Quanto tempo devo conservare le buste paga dei miei dipendenti?

Un dubbio che molto spesso sorge ai datori di lavoro riguarda quanto tempo conservare le buste paga dei propri dipendenti. In questo articolo ti darò alcuni consigli per aiutarti. Potrà aiutarti senz’altro il mio servizio di buste paga on line. 😉 Consegnare la busta paga è uno degli obblighi di legge previsti per il datore

Consegna buste paga: cosa deve sapere il datore di lavoro

Tra gli obblighi di legge del datore di lavoro uno dei più importanti è la consegna della busta paga ai propri dipendenti. La legge n. 4/1953 stabilisce che “il prospetto paga deve essere consegnato al lavoratore nel momento stesso in cui viene consegnata la retribuzione”. Nel cedolino paga dei  dipendenti  deve essere indicato nome, cognome,

Qual è la differenza tra Commercialista e Consulente del lavoro?

A volte parlando alle persone della mia professione di consulente del lavoro, mi rendo conto che è poco conosciuta e spesso viene confusa con quella del commercialista. Soprattutto se hai un’azienda in espansione, che sta procedendo a nuove assunzioni, ti sarà utile leggere questo articolo per capire bene come fare una scelta consapevole tra le

Assumere apprendista? Cosa deve sapere l'azienda

Assunzione apprendista: cosa deve sapere l’azienda

L’apprendistato professionalizzante è un contratto che consente alle aziende di assumere giovani di età compresa tra i 18 ed i 29 anni (e 364 giorni), affiancando all’attività lavorativa quella formativa. Molti imprenditori sanno che assumere apprendisti comporta un sostanzioso risparmio contributivo, ma molti non conoscono quali importanti obblighi comporta, non sanno cosa succede alla data esatta di fine

Richiedi una consulenza gratuita

Parla direttamente con me...